Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
Pagina d'entrata > L'Accademia > Archivio > Presentazione dell'Archivio
  Storia
  Attività
  Notiziario
  Pubblicazioni
  Biblioteca virtuale
  La lingua in rete
  Crusca in gioco

Mappa del sito
Presentazione dell'Archivio
[ Archivio ]

L’Archivio fa parte del Sistema Documentario Integrato dell'Area Fiorentina (SDIAF)

Consulta l'Archivio Digitale

L’Accademia della Crusca custodisce da secoli il più importante archivio per la storia della lingua italiana e unica testimonianza dell’attività dell’Istituto fin dalla sua fondazione nel 1583. La sua peculiarità consiste nella tipologia dei documenti che conserva.Severina Parodi in un'immagine giovanile Oltre ai documenti relativi alla compilazione delle cinque edizioni del Vocabolario (1612, 1623, 1691, 1729-1738, 1863-1923) si annoverano: diari, verbali, lezioni accademiche e atti amministrativi, concorsi letterari, raccolte di carteggi, testi di lingua, donazioni di spogli, studi e dizionari di studiosi non accademici. Esiste infine un fondo di 147 opere manoscritte, databili tra il XIII e il XIX secolo, depositato presso la Biblioteca dell’Accademia; il Catalogo di esso, redatto da Severina Parodi, è consultabile in Accademia su supporto informatico.

Frontespizio de Le Leggi dell'Accademia della Crusca Riformate l'anno 1589  (Archivio Storico)Su progetto della stessa Severina Parodi, che tuttavia non ne ha visto la realizzazione, e grazie al finanziamento dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, l’Archivio è stato trasferito nel luglio 2003 in due nuove sale dell’Accademia, appositamente allestite con tutte le garanzie necessarie per un’adeguata conservazione del materiale. Il patrimonio archivistico mancava di una moderna inventariazione, anche se esisteva un catalogo redatto da Severina Parodi con l’ausilio del database ISIS per i sec. XVI-XVII. Per questo, dopo la sistemazione definitiva, si è proceduto, con il programma ArcheoTheke di Crusca, alla redazione informatica di una Guida di orientamento, con la consulenza della SAT (Sovrintendenza Archivistica per la Toscana) che esercita la vigilanza e la tutela sull’Archivio dell’Accademia della Crusca nella persona di Emilio Capannelli. Parallelamente è già iniziata la catalogazione del materiale più antico con la ricognizione e lo studio delle carte preparatorie per la prima edizione del Vocabolario del 1612 e dei documenti riguardanti le altre edizioni e l’attività dell’Accademia fino al 1783.

L’Archivio dell’Accademia della Crusca si compone di due sezioni:

• l’Archivio Storico intitolato a “Severina Parodi” che conserva i più antichi documenti dell’Accademia

• l’Archivio Moderno che contiene alcuni preziosi fondi aggregati del Novecento di carattere linguistico e filologico

Tutti i dati archivistici finora elaborati sono consultabili nell'Archivio Digitale.

Frontespizio del Giornale dell’Arciconsolato dell’Incruscato comenciato a dì 4 Settembre 1589 (copia settecentesca; Archivio Storico) Lettera autografa di Giacomo Leopardi, datata 3 ottobre 1828, con la quale il poeta invia le sue Operette morali al Concorso letterario dell’Accademia (Archivio Storico)

Faldoni relativi alle Serie «Vocabolario», «Diari e Verbali», «Statuti, Atti Amministrativi, Cataloghi accademici» (Archivio Storico)



Presentazione dell'Archivio
Norme per gli utenti­
Storia dell'Archivio
Patrimonio dell'Archivio
Archivio Storico «Severina Parodi»
Archivio Moderno
Avvisi­­
Progetti dell'Archivio
Eventi dell'Archivio


Faldoni con schede di spoglio relativi alla Serie «Vocabolario», quinta edizione (Archivio Storico)

Lettere novecentesche tratte da diversi Fondi dell’Archivio Moderno

Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati