Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
Pagina d'entrata > L'Accademia
  Storia
  AttivitÓ
  Notiziario
  Pubblicazioni
  Biblioteca virtuale
  La lingua in rete
  Crusca in gioco

Mappa del sito
L'Accademia
In Italia e nel mondo l'Accademia della Crusca Ŕ uno dei principali punti di riferimento per le ricerche sulla lingua italiana. La sua attivitÓ presente punta ai seguenti obiettivi:
  • sostenere, attraverso i suoi Centri specializzati e in rapporto di collaborazione e integrazione con le UniversitÓ, l'attivitÓ scientifica e la formazione di nuovi ricercatori nel campo della linguistica e della filologia italiana;

  • acquisire e diffondere, nella societÓ italiana e in particolare nella scuola, la conoscenza storica della nostra lingua e la coscienza critica della sua evoluzione attuale, nel quadro degli scambi interlinguistici del mondo contemporaneo;

  • collaborare con le principali istituzioni affini di Paesi esteri e con le istituzioni governative italiane e dell'Unione Europea per la politica a favore del plurilinguismo del nostro continente.


L'Accademia della Crusca Ŕ sorta a Firenze tra il 1582 e il 1583, per iniziativa di cinque letterati fiorentini (Giovan Battista Deti, Anton Francesco Grazzini, Bernardo Canigiani, Bernardo Zanchini, Bastiano de' Rossi) ai quali si aggiunse subito Lionardo Salviati, ideatore di un vero programma culturale e di codificazione della lingua. Dalle loro animate riunioni, chiamate scherzosamente "cruscate", deriv˛ il nome di "Accademia della Crusca", v˛lto poi a significare il lavoro di ripulitura della lingua. L'istituzione assunse come proprio motto un verso del Petrarca - "il pi¨ bel fior ne coglie" - e adott˛ una ricca simbologia tutta riferita al grano e al pane.

Fin dall'inizio l'Accademia ha accolto studiosi ed esponenti, italiani ed esteri, di diversi campi: oltre a grammatici e filologi, scrittori e poeti (Tassoni, Maffei, Maggi, Monti, Leopardi, Manzoni, Carducci, ecc.), scienziati (Galilei, Redi, Torricelli, Malpighi), storici (Muratori, Botta, Capponi), filosofi (Voltaire, Rosmini), giuristi e statisti (Witte, Gladstone).

L'opera principale dell'Accademia, il Vocabolario (1612; ampliato e ripubblicato pi¨ volte fino al 1923), pur sottoposta ad attacchi per i limiti che poneva all'uso linguistico vivo, ha dato un contributo decisivo all'identificazione e alla diffusione della lingua italiana e ha fornito l'esempio ai grandi lessici delle lingue francese, spagnola, tedesca e inglese.





Il nuovo progetto del Vocabolario, elaborato e avviato dall'Accademia negli anni 1955-1985, ha finalitÓ esclusivamente di documentazione storica ed Ŕ una delle maggiori imprese lessicografiche europee. Viene ora realizzato dall'Opera del Vocabolario Italiano, Istituto del CNR affiancato all'Accademia e dal 1992 affidato alla direzione di Pietro G. Beltrami.

Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati