Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
Pagina d'entrata > Notiziario > Sotto la lente > Lingua, cultura e democrazia
  L'Accademia
  Storia
  Attività
  Pubblicazioni
  Biblioteca virtuale
  La lingua in rete
  Crusca in gioco

Mappa del sito
Lingua, cultura e democrazia
[ Sotto la lente ]


Lingua, cultura e democrazia.
I nuovi analfabetismi nella società della conoscenza


Firenze, venerdì 1 dicembre 2006, ore 15.30
Accademia della Crusca, Villa di Castello, Via di Castello 46

Il 1 dicembre 2006, alle ore 15.30 alla villa medicea di Castello, sede dell’Accademia della Crusca, avrà luogo il convegno dal titolo Lingua, cultura e democrazia. I nuovi analfabetismi nella società della conoscenza promosso dalla Regione Toscana per presentare i risultati di una ricerca realizzata dall’IRPET (Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana) con la collaborazione dell’Accademia della Crusca. La Regione Toscana ha infatti commissionato al suo Istituto per la Programmazione Economica un’indagine mirata a offrire un quadro regionale sull’analfabetismo e, in particolare, sugli analfabetismi emergenti, intesi come forme di impoverimento culturale che possono arrivare a limitare fortemente l’agire individuale, soprattutto nei contesti comunicativi e situazionali tipici delle società complesse come la nostra.

Per l’IRPET ha impostato e curato la ricerca Sara Mele che si è occupata in particolare di analfabetismo classico (quanti sono e che caratteristiche hanno i cittadini toscani che non sanno leggere e scrivere) e della deprivazione culturale; Ilaria Dal Carobbo, ricercatrice dell’IRPET, si è occupata delle competenze funzionali di giovani e adulti e di analfabetismi emergenti relativi alle abilità informatiche, tecnologiche e al grado di conoscenza delle lingue straniere.

All’Accademia della Crusca è stata commissionata la parte della ricerca relativa al grado di competenza linguistica dei giovani toscani e il contributo dell’Accademia si è concentrato in particolare sull’analisi del livello di competenza lessicale degli studenti toscani universitari e di scuola secondaria di II grado. Per questa parte è stata scelta la modalità dell’indagine diretta e Raffaella Setti, Mara Marzullo e Neri Binazzi hanno formulato un questionario che poi è stato somministrato a un campione non statistico, ma ragionato, di studenti con la collaborazione di insegnanti e docenti di Scuole Superiori di II grado e di alcune Università della Toscana. La ricerca si è svolta nel secondo semestre del 2006 e rappresenta una novità: è stata infatti applicata per verificare il grado di competenza lessicale di parlanti nativi (almeno nella stragrande maggioranza), mentre si tratta di un tipo di verifica normalmente finalizzata a valutare le competenze lessicali di lingue acquisite. L’indagine assume cruciale importanza prima di tutto perché, a differenza di studi condotti in precedenza, mette la lingua al centro dell’attenzione, attraverso la puntuale verifica della comprensione e dell’uso di una serie di parole opportunamente selezionate, in secondo luogo, perché sceglie di svolgere il sondaggio in una regione linguisticamente  particolare come la Toscana, in cui spesso non si ha una chiara percezione della distanza tra lingua italiana e varietà locale.

Il questionario si struttura in due parti principali: la prima con domande di carattere generale relative ai consumi culturali degli intervistati (programmi radiofonici e televisivi seguiti, periodicità nella lettura di libri e quotidiani, uso del computer e di Internet, frequentazione di musei, cinema, teatri, ecc.) i cui risultati sono stati elaborati ed analizzati per dar conto della situazione relativa ai consumi culturali dei giovani toscani; la seconda si articola in tre batterie di test lessicali. La prima prova è costituita da un test di autovalutazione in cui si chiede di esprimere il grado di conoscenza attiva e passiva (scegliendo tra le opzioni non l’ho mai sentita, l’ho sentita ma non la conosco, la conosco ma non la uso, la conosco e la uso) su un gruppo di parole del lessico comune presenti nella lingua dei giornali con l’aggiunta di alcune parole tradizionali toscane e altre di ambito settoriale tendenti però a entrare nel lessico comune. Il secondo gruppo di domande consiste in un test a scelta multipla su definizioni date di parole opportunamente scelte tra cultismi, parole settoriali, tecnicismi diffusi nella lingua dell’informazione. Il terzo tipo di prova è un test a completamento a scelta multipla mirato a verificare la competenza lessicale all’interno di un testo dato su parole comuni, del lessico di base e di quello tradizionale toscano.

I risultati della ricerca verranno pubblicati dalla Regione Toscana in un volume a cura di Sara Mele.



Intervista a Sara Mele
Intervista a Raffaella Setti
Recensioni sui giornali
Celebrazioni per il 150° dell'Unità d'Italia
Mostra Una di lingua (Firenze, 11 ott.-30 nov. 2011)
Convegno Un secolo per la costituzione (1848-1948)
Navigare tra le parole II
Olimpiadi di lingua italiana 2011
Convegno La legge come mezzo di comunicazione di massa
La piazza delle lingue 2011: L'italiano in Europa
Artusi100. Il secolo artusiano. Convegno di studi.
Convegno La redazione degli atti amministrativi
La piazza delle lingue 2010: L'italiano degli altri
Lingua italiana, scuola, sviluppo
Giornata di studio su Ciro Trabalza
Celebrazioni di G. Giusti: convegno Le opere e i giorni
Piazza delle lingue. Esperienze di multilinguismo in atto
Montanelli narratore
Per Giovanni Nencioni
Mostra Galileo e l'universo dei suoi libri
Convegno L'italiano al telefono
Gli Accademici della Crusca in visita al Quirinale
Ristampa anastatica del Vocabolario 1612
Settimana della lingua italiana nel mondo
Per il multilinguismo nell’Unione Europea
Presentazione del volume L'italiano al voto
Convegno I giovani e la lingua
Firenze Piazza delle Lingue d'Europa
Se telefonando... ti scrivo
Adotta un libro dell'Accademia
La lingua italiana nella nostra Costituzione
Chi vuol esser lieto sia
Lingua, cultura e democrazia
Italiano giuridico
Frames
L'italiano in pubblico oggi
Navigare tra le parole
Convegno internazionale Lingua italiana e scienze
Visita del Presidente della Repubblica C. A. Ciampi
Notizie dall'Accademia


Visita le pagine di
www.regione.toscana.it
dedicate a questo evento:
1 - 2

Intervista a Sara Mele,
coordinatrice del progetto per l’IRPET.

Intervista a Raffaella Setti,
coordinatrice dell’indagine diretta
per l’Accademia della Crusca.

Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati